L’europa ci sanziona….ancora…

Un miliardino di qua, ed uno di là. Questo il balzello sanzionatorio al quale l’italia intera è assoggettata dalla commissione europea. Multe salate e procedure di infrazione sono ormai all’ordine del giorno. Passi il fatto che di colpe ne abbiamo tante e che i nostri impegni in termini di affidabilità sono venuti meno in molte occasioni, ma credo sia venuto il tempo di ribellarsi o quanto meno alzare i tono contro uno status di membri d’europa vessatorio su tante linee. Oggi la Commissione europea ingiunge formalmente all’Italia – con l’invio di un parere motivato – di recuperare presso i produttori di latte multe per 1,395 miliardi di euro dovute al superamento delle quote di produzione loro assegnate tra il 1995 e il 2009.

Sale così ad una marcia superiore la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia che la Commissione europea aveva aperto un anno fa, il 20 giugno 2013, con l’invio a Roma di una lettera di “messa in mora”. Il parere motivato rappresenta la seconda tappa della procedura d’infrazione al trattato Ue, priva di un eventuale ricorso alla Corte di giustizia europea.

«L’incapacità dell’Italia – afferma la Commissione Ue – ad assicurare il recupero effettivo di queste multe compromette gli sforzi europei per stabilizzare il mercato dei prodotti lattieri, provocando distorsioni di concorrenza con gli altri produttori europei ed italiani, che hanno rispettato le quote di produzione o che hanno pagato le loro multe» recita La commissione. Insomma noi compromettiamo tutto e tutti.
Ed ancora aggiunge: «queste somme dovrebbero essere versate al bilancio dell’Italia affinché i contribuenti italiani non ne escano perdenti».
iofumettotwitter 
In pratica Mors tua Vita mea
About the Author

Imprenditore e fondatore di Ethic Capital S.r.l. e dello start up brand Medex nell'ambito di circuiti di credito commerciale in Calabria. Nato a Reggio Calabria il 10/7/1975. Questo è un blog indipendente, dove Francesco Agostino e gli altri autori esprimono un loro pensiero su temi di Economia, Politica, Start-up, Innovazione e soprattutto Moneta Complementare, liberi da ogni ideologia politica.