Ma cosa è questa Crisi? Diamo qualche numero

Rodolfo Tonino in arte Rodolfo De Angelis, artista poliedrico napoletano usciva nel 1933, in piena epoca fascista ed a soli 4 anni dopo della grande crisi del 29′, con la canzone “Ma cos’è questa crisi?”. Canzone di un’altra epoca ma quanto mai attuale in un momento economico terribile per il nostro paese a causa di un accanimento speculativo del mondo finanziario su alcuni paesi europei ed a causa di continue prospettive di “lacrime e sangue” per aziende e famiglie strette nella morsa dell’austerità imposta dall’ Unione Europea. Il paese è devastato , forse mai così unito nei numeri. Eravamo infatti abituati a profonde differenze di produttività, occupazione e di qualità della vita tra Nord e Sud, ora la fotografia si tinge di rosso ed appare quindi a tinta unita. Balzano subito agli occhi i dati su risparmio e reddito, in caduta libera. Paradossalmente anche i prestiti hanno registrato una flessione, vuoi per la stretta al credito da parte degli istituti bancari, vuoi per il timore dei cittadini di non poter far fronte all’indebitamento. Ma il dato che fa più tremare è quello sulla disoccupazione che si è più che raddoppiato dal 2007 (6%) e che si attesta oggi ad un pesantissimo 12.2%. Più scendiamo lungo lo stivale e più la situazione si fa dura. Città come Napoli, Crotone, la mia Reggio Calabria ed Enna spiccano con un tasso di disoccupazione quasi al 25%. Non male per un paese la cui costituzione recita all’art.1 ” L’italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro“. Altro dato allarmante riguarda il settore edilizio. Uno spiccato trend discendente dei prezzi degli immobili vede fortemente assottigliarsi l’investimento di moltissimi italiani nel mattone. I consumi anch’essi in picchiata nonostante la deflazione e quindi l’andamento dei prezzi al ribasso. Il termine “Spending Review” è entrato a far parte del linguaggio delle famiglie anche nell’ordine delle spese sanitarie. Sirena d’allarme quindi anche per la prevenzione e le terapie. Insomma , ci stiamo lasciando morire.

iofumettotwitter

 

 

 ci stiamo lasciando morire..

About the Author

Imprenditore e fondatore di Ethic Capital S.r.l. e dello start up brand Medex nell'ambito di circuiti di credito commerciale in Calabria. Nato a Reggio Calabria il 10/7/1975. Questo è un blog indipendente, dove Francesco Agostino e gli altri autori esprimono un loro pensiero su temi di Economia, Politica, Start-up, Innovazione e soprattutto Moneta Complementare, liberi da ogni ideologia politica.