Truffa Bancaria: Tu sei proprietario di un Debito!

mario-monti-spreadSiamo ormai abituati ad ascoltare discussioni di natura economica durante i telegiornali o i talk show politici oppure leggendo le più rinomate testate giornalistiche italiane. Hanno coniato i nuovi termini per l’economia degli schiavi : Spread, Fiscal Compact, Mes, Rapporto Deficit/Pil  etc. A questi associano numeri e grafici che salgono e scendono. Lo ammetto parlare di economia è arduo, ed è stato reso artatamente noioso, ma in realtà lavorare per una buona economia significa creare ricchezza, prosperità e bene comune. Artatamente perchè il popolo, meno capisce e meglio è. Solo una parte di cittadini, molto pochi a dire il vero, si è resa conto della grande truffa che si nasconde nella nostra economia, nella perdita di sovranità monetaria e parlamentare, nella delegittimazione dello status di popolo sovrano.

Mettiamocelo bene in testa, tutto il frutto del nostro lavoro manuale o professionale che sia, tutti i nostri averi, tutti i nostri rapporti di natura economica sono figli del debito, con il quale un giorno ,forse la nostra generazione , forse la prossima , dovrà fare i conti. Perchè affermo questo? Perchè il nostro caro Euro non è di proprietà del popolo ne di chi lo detiene. Non esiste nessuna legge, nessuna clausola in nessun trattato europeo da Mastrich in poi, che identifichi la proprietà della moneta al momento della sua emissione da parte della Bance Centrale Europea. Quest’ultima stampa e presta, lucrando sul valore facciale della banconota (Signoraggio Bancario) e per il prestito pretende la restituzione del debito più un interesse (Signoraggio Bancario).

Grazie a questo sistema ed alla presenza di questa quota interesse e  di quelle successive, tutto il denaro circolante nel mondo non basterebbe per l’intera restituzione del debito. Il prestare è prerogativa del proprietario, ed il proprietario della moneta non esiste(cit. Giacinto Auriti). Ecco perchè uno stato dovrebbe ribellarsi a questo sistema restituendo la proprietà della moneta al cittadino e divenendo l’unico responsabile della sua circolazione ed emissione. Invece in questo sistema subdolo e diabolico gestito da lobby di banchieri, S.p.a. e più generalmente privati (ricordiamoci che la Banca centrale Europea e tutte le sue filiali come la Banca di Italia sono partecipate da banche ed assicurazione private), il popolo è rimasto ai margini, allontanato dai concetti di bene comune, lasciato li a competere, a distruggersi classi contro classi, uomo contro uomo. I debiti pubblici dei paesi sono figli di questo sistema, non fatevi infinocchiare dai politici che puntano il dito verso i governi precedenti imputandogli una cattiva gestione delle casse dello stato. La politica, che sia di destra, di centro o di sinistra oggi è completamente inefficiente a causa di norme e trattati che ne hanno delegittimato il potere istituzionale e parlamentare.

bceI nostri governi si sono trasformati in esattori per la Banca Centrale Europea. Se rendiamo merito a quanto scritto sopra risulta evidente che l’insolvenza dei debiti è dovuta all’impossibilità di ripagarli. Sembrerebbe una battuta invece, purtroppo, non lo è. Ricordiamoci che l’italia paga 50 miliardi di euro l’anno di interesse sul suo debito ed a questi dobbiamo aggiungere il pagamento per un’altra truffa perpetuata dall’ Unione Europea quale il fiscal compact ed il Mes. Aggiungiamo il fatto che Monti e compagni hanno accettato di inserire in costituzione il pareggio di bilancio, questo significa che dal gettito fiscale, levando gli interessi per il debito ed i denari destinati al Mes, per la povera italia resterebbe poca roba.

futurooscuroDa qui un verticale avvitamento che ci farà schiantare contro un futuro davvero oscuro. Cosa stiamo facendo noi? Nulla, sdivaccati sui nostri divani e con le pantofole ben salde ai piedi ad aspettare l’avvento dello spirito santo o qualsiasi altro messaggero della buona novella. Ma lo Spirito Santo si è dato latitante da un bel pò di tempo, ci compiaciamo nel: sentire l’annuncio di riforme; quel fortunato destinatario delle 80 euro al mese in più in busta paga è convinto di aver risolto il problema; ci preoccupiamo di una legge elettorale che non porta più pane e pasta nei nostri piatti. Il tutto mentre l’economia affonda, le aziende chiudono, i nostri giovani partono, gli immigrati arrivano sempre più numerosi sulle nostre coste. Eppure di soluzioni ce ne sono, ma quando si avrà il coraggio di intraprenderle?

About the Author

Imprenditore e fondatore di Ethic Capital S.r.l. e dello start up brand Medex nell'ambito di circuiti di credito commerciale in Calabria. Nato a Reggio Calabria il 10/7/1975. Questo è un blog indipendente, dove Francesco Agostino e gli altri autori esprimono un loro pensiero su temi di Economia, Politica, Start-up, Innovazione e soprattutto Moneta Complementare, liberi da ogni ideologia politica.